Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la sua esperienza e offrirle servizi in linea con le sue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie.

Accedi Registrati

Login

Username
Password *
Ricordami

Registrati

I campi contrassegnati da (*) sono obbligatori.
Name
Username
Password *
Verifica password *
Email *
Verifica email *
Captcha *

Cerca prodotto

Cerca per Brand

A+ A A-
CorallVin | Integratore Spagyrico

CorallVin | Integratore Spagyrico

Fitoterapico spagyrico (tecnica che potenzia la biodisponibilità dei fitocomplessi) utile per intervenire in modo efficace sul mantenimento del fisiologico stato di benessere dell’organismo e in particolare a livello di ossa, articolazioni, tendini, e legamenti, preservando la naturale flessibilità articolare.

€25,90

Quantità:

Formato:

Per scrivere una recensione è necessario effettuare l'accesso

Descrizione

Fitoterapico spagyrico con una speciale associazione di piante officinali (Equisetum arvense, Bambusa vulgaris Schrader, Citrus Iimonum, ecc.) che permettono di intervenire in modo efficace sul mantenimento del fisiologico stato di benessere dell’organismo e in particolare a livello di ossa, articolazioni, tendini, e legamenti, preservando la naturale flessibilità articolare.

Questa formulazione è stata studiata in modo da fornire all’organismo un’elevata biodisponibilItà del costituenti principali. La particolare preparazione rende il prodotto altamente attivo, tale da raggiungere la sua efficacia con piccoli quantitativi.

Gli estratti vegetali titolati vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica. Tale tecnica migliora e potenzia la biodisponibilità dei fitocomplessi.

 

II termine Spagyria deriva dal greco “Spao” e “Agheuro” che significa letteralmente separare e ricongiungere. Il complesso processo di ottenimento dei rimedi spagirici è basato sull'opera del medico svizzero Paracelso (1493-1541), ritenuto l’iniziatore della Spagirica.

Il processo di preparazione dei rimedi spagirici secondo le leggi alchemiche include una lenta fermentazione della pianta fresca intera, a cui segue una distillazione della miscela fermentata e una calcinazione del residuo non distillato. Si ottiene così una ‘quintessenza’ dal potenziale terapeutico molto elevato, depurata da ogni tossicità e perfettamente assimilabile dall'organismo. Questo processo non fa che imitare le leggi della Natura: putrefazione in autunno, lenta fermentazione in inverno e rinnovamento in primavera. 

Il rimedio spagirico è olistico perché concentra in sé le forze di guarigione del corpo, dell'anima e dello spirito. La sua particolarità, infatti, è quella di agire sia a livello fisico, direttamente sulla ‘patologia’ in corso, sia in quello psichico, aumentando così notevolmente l'effetto terapeutico. Da notare che, diversamente dagli altri rimedi fitoterapici (tinture madri e gemmoderivati ‘normali’) i dosaggi sono notevolmente ridotti (indicativamente dalle 7 alle 20 gocce per assunzione a seconda del prodotto) proprio per la maggior efficacia terapeutica. 

Oggi i rimedi spagirici vengono apprezzati come efficaci terapie dolci. Possono essere usati con successo anche in combinazione ad altri medicamenti perché non provocano alcun effetto secondario e accelerano notevolmente il processo di guarigione.

Posologia/Uso

La particolare formulazione spagyrica rende il prodotto altamente attivo, tale da raggiungere la sua efficacia con piccolissimi quantitativi. Il dosaggio consigliato e’ quindi di 3–5 gocce due volte al dì preferibilmente al mattino prima di colazione e nel primo pomeriggio. Lasciare per qualche secondo il prodotto a livello sublinguale per favorirne l’assorbimento.

Controindicazioni - Non assumere in caso di ipersensibilità accertata verso uno dei costituenti. Sovradosaggi potrebbero indurre disturbi gastro-intestinali minori.

Avvertenze - Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni di età. Non superare la dose giornaliera consigliata. Per donne in gravidanza o in allattamento e bambini si raccomanda di sentire il parere del medico. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata ed equilibrata e di uno stile di vita sano.

Ingredienti/INCI

Costituenti vegetali caratterizzanti: acqua distillata; alcool etilico; miele; bambù (bambusa vulgaris Schrader) fusto estratto secco titolato al 70% in silicio organico; equiseto (equisetum arvense L) pianta intera estratto secco titolato al 10% in silice; olio essenziale di limone (Citrus Limonum) scorza. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcool etilico). Minerali in quantità di oligoelementi: Ca gluconato.

Approfondimenti

Bamboo (Bambusa vulgaris Schrader) - L’interesse suscitato dalla fitoterapia nei confronti del Bambù è relativo all’elevatissima concentrazione di silicio, per questo è possibile disporre di estratti ad alta titolazione in silicio, fino al 70%. Nel corpo umano il silicio è un componente indispensabile per la formazione ossea ed il tessuto connettivo, favorisce l’assimilazione di minerali come calcio, magnesio, fosforo, potassio, sodio, zolfo, alluminio, cobalto e di tanti aliti elementi e una sua carenza porta all’indebolimento del tessuto connettivo. Tecnicamente parlando, il silicio è indispensabile nella sintesi di collagene e del tessuto connettivo, oltre ad essere un costituente importante del tessuto osteoide. 

 Le funzioni più importanti del silicio all’interno del nostro organismo: 

> 1. Di vitale importanza nella formazione della cartilagine e per la protezione delle articolazioni e dei legamenti. Il rivestimento più interno di tessuto arterioso ha bisogno del silicio per mantenersi sano e resistente; 

> 2. Stimola il metabolismo e la formazione cellulare, ha inoltre leggere proprietà disinfettanti e antinfiammatorie; 

> 3. Aumenta l’elasticità dei vasi capillari.

Quantità sufficienti di silicio possono ritardare il processo di invecchiamento, perché rafforzano il sistema immunitario. Man mano che il nostro corpo invecchia, utilizza quantità di silicio sempre più elevate ed è questo uno dei motivi importanti per reintegrare il silicio con la dieta.

Equiseto (Equisetum arvense) - L’Equiseto è una pianta molto antica che vanta azioni diuretiche e coagulanti, il cui uso terapeutico risale ai più antichi trattati di medicina in cui si tramandano le virtù remineralizzanti, diuretiche ed emostatiche. Attualmente viene utilizzato soprattutto per il suo alto contenuto in silice (Si02, biossido di silicio), sostanza che partecipa come abbiamo visto, ai processi di calcificazione delle ossa perché facilita il deposito di calcio. 

L’equiseto è un integratore naturale di minerali utilizzato nei casi di infiammazione delle articolazioni e anche per i calcoli renali perché il silicio partecipa al legame tra proteine e mucopolisaccaridi contribuendo al mantenimento dell’integrità delle cartilagini e dei vasi sanguigni. L’azione diuretica dell’equiseto non altera l’equilibrio elettrolitico del corpo, e si dimostra molto utile nei casi di cistiti, uretriti e prostatiti e per l’espulsione di piccoli calcoli renali. 

Per l’azione rimineralizzante è invece consigliato in caso di osteoporosi e dopo fratture o interventi chirurgici. È indicato anche per i vari problemi di tipo articolare come l’artrite e l’artrosi. I flavonoidi dell’equiseto lo rendono attivo infine anche nella protezione dei vasi di cui ne riduce la permeabilità e la fragilità capillare, aumentandone la resistenza e riducendo le possibili lesioni vascolari che causano la formazione di placche arteriosclerotiche.

Calcio - È un macroelemento indispensabile per la crescita dell’organismo. Senza calcio non sarebbero possibili moltissimi dei processi che avvengono nel nostro organismo come per esempio, la scissione delle cellule e la sintesi delle proteine. È un elemento fondamentale (assieme al magnesio) per il tessuto osseo, aiuta a mantenere denti, unghie e capelli sani stimolando il sistema immunitario. Una carenza nell’apporto dietetico di calcio determina la demineralizzazione ossea che, se non trattata, può portare a situazioni osteoporotiche gravi. Ciò avviene più spesso nel sesso femminile che, a causa della menopausa, va incontro ad una carenza di estrogeni, i quali sono implicati nel fenomeno di fissazione ossea del calcio. La riduzione drastica del rilascio di estrogeni influenza negativamente anche il rilascio di calcitonina, con ovvie conseguenze nefaste sulla struttura ossea. Una supplementazione di solo calcio sarebbe inefficace in egual misura, se non viene integrata con un elemento capace di fissarlo a livello osseo che è appunto il silicio.

Limone (Cltrus Iimonum) - Per il suo contenuto di vitamine, sali minerali e acidi, il limone stimola l’attività degli organi digerenti e rivitalizza tutto l’organismo e, contrariamente a quanto si creda, ha proprietà antiacide. Grazie al suo alto contenuto di glucosidi come l’esperidina e la diosmina e di flavonoidi, la cui azione risulta essere simile a quella della vitamina P, rafforza i vasi capillari e migliora la circolazione venosa, apporta inoltre un notevole giovamento se viene utilizzato in caso di gonfiore alle gambe, di edemi, di varici, di trombosi. Il limone ha proprietà depurative e disintossicanti dell’organismo e la sua assunzione regolare, aiuta a regolarizzare l’intestino, e combatte addirittura la cellulite. Il limone è un ottimo rimineralizzante e antianemico e un buon attivatore delle difese organiche.

Prodotti abbinabili

Olio Spray Bio al...
€12,99
Fiocchi da Bagno al...
€25,00
Iscriviti alla Newsletter

© 2012/2016 Egonatural|Elbios Srl. All rights reserved - P.IVA IT02023840560

Carrello

Il tuo carrello
Carrello vuoto